blockchain - Joinner - Energy Management - Smart Home e Digital Economy

white background
white background
Vai ai contenuti
blockchain per le Energie Rinnovabili
Dati energetici su infrastruttura intelligente e adattiva.

Per diffondere nuove forme di produzione, di consumo, di distribuzione dell’energia e di proffitto energetico, è necessario ripensare al concetto stesso di rete e dei suoi principi di funzionamento.
Il modello a cui siamo abituati non può supportare adeguatamente quanto gli impianti da rinnovabili potranno realizzare prossimamente.

Come Funziona la blockchain
La tecnologia blockchain ha le sue origini nei sistemi peer-to-peer online, quindi ogni scambio di informazioni avviene aggiungendo un nuovo blocco di dati a una catena già esistente e crittografata. Si tratta quindi di un database in continua crescita grazie ai contributi dei singoli utenti essendo non localizzato in un solo nodo, ma aperto e distribuito su tutti, e al contempo sicuro e protetto.
Ogni membro della rete ( blockchain ) ha una copia di questo database, il quale è pubblico e condiviso, costituito da una serie di " nodi ", che si aggiornano automaticamente ciascuno nel momento in cui partecipano alla scrittura dei dati sulla rete medesima, quindi un malfunzionamento di uno o più nodi della rete non causa danni o disservizi, e i dati sono protetti da furti o manomissioni.
Tutte le operazioni effettuate con questo sistema sono confermate dai singoli nodi attraverso software di crittografia che verificano un pacchetto di dati definiti a chiave privata, utilizzato per firmare e controllare le transazioni.
Il sistema garantisce così l’identità digitale di chi ha autorizzato gli scambi, senza l’intervento di nessuna autorità centrale, il controllo viene effettuato automaticamente da tutti i nodi della catena ( blockchain ) e questo meccanismo, in teoria, rende impossibile contraffare una transazione o modificarne una già avvenuta.
La blockchain, la cui caratteristica principale è quella di eliminare ogni intermediazione, sta già rivoluzionando il mondo finanziario e assicurativo, ma le sue applicazioni si estendono anche ad altri settori tra cui quello energetico.

blockchain ed energia
Perchè associare quindi la tecnologia blockchain alle energie rinnovabili ?
Nell’era dell’Internet of Things, numerosi dispositivi di uso quotidiano sono collegati a internet e scambiano informazioni per migliorare la loro efficienza, essere controllati da remoto oppure monitorare le proprie prestazioni.
Anche la distribuzione dell’energia funziona seguendo tali logiche, e ciò determina l'entra in gioco della blockchain. Infatti i prosumer fotovoltaici possono essere considerati come nodi di una rete che produce e consuma l’energia da loro prodotta, e la blockchain permette di monitorare e validare questi scambi fornendone un valore digitale economico certificato.
Questa tecnologia, combinata con sistemi di accumulo fotovoltaico, permette anche di risolvere il problema della non programmabilità delle energie rinnovabili.


La blockchain di joinner

La blockchain che joinner intende realizzare, trae alimentazione e sostenibilità dall'energia prodotta da fonti rinnovabili.
L'elaborazione di opportuni " smart Contract " ne forniranno la gestione, garantita da intelligenza automatizzata, la quale determinerà nei singoli nodi utente la creazione dei cosidetti " Green Coin " attestanti il reale ed effettivo valore della produttività energetica o dell'efficienza energetica.
Tale blockchain aspira cosi a divenire la sintesi concretizzante dell'aspetto mancante dell'internet del valore, quantificante il dato energetico trasmesso sul pre-embrione di infrastruttura intelligente e adattiva.
In conclusione, questa blockchain determinerà il salto strutturale di partenza per la realizzazione del primo embrione nazionale dell'internet del valore basato sulla produttività " rinnovabile ".

E' possibile partecipare al Progetto, tramite l'adesione alla ICO dedicata sulla piattaforma Icobox.
La distribuzione dei Token Privilegiati inizierà a breve.


Consulta la nostra milestone e le nostre charts di previsione
Consulta il nostro whitepaper
Torna ai contenuti